Roberto MARES | il grafico con il levriero a Belluno | biografia
In fin dei conti, sì, posso dire di essere alla continua ricerca della “non convenzionalità”, in una sorta di continua osmosi tra lavoro e passioni, fabbrica di conseguenze mai banali.
belluno, grafico, grafica, studio grafico, logo, marchio, immagine coordinata, siti, web, social media, packaging, imballaggi flessibili, brochure, manifesti, flyer, cataloghi, cd, dvd, immagine coordinata, loghi, biglietti da visita, gadget, video corporate, spot pubblicitari
19153
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-19153,qode-social-login-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.5,menu-animation-underline,header_top_hide_on_mobile,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive
biografia

IL GRAFICO CON IL LEVRIERO

Grafica, arti visive e musica: lavoro, ma soprattutto passione. “A pacchi”.
Vivo nel mondo della grafica da molti anni. Ho vissuto a lungo a Roma e in Toscana, col mio fedele cane sempre al seguito. Per la cronaca, altresì detta lista della spesa, mi occupo, di grafica tradizionale: packaging, brochure, manifesti, flyer, cataloghi, ma anche pack per CD e DVD; immagine coordinata, con loghi, biglietti da visita, gadget; e, ovviamente, tanto e sempre più web e digital: dallo sviluppo di siti aziendali e di professionisti, ai social media e a tutto quello che ci gira intorno.
Molti progetti che curo diventano, sic et simpliciter, progetti di comunicazione integrata “a tutto tondo”, con video corporate e spot pubblicitari, realizzati in collaborazione con partner di lunga data. Ed è proprio qui che la passione per la grafica incontra quella per la musica e mi trovo a comporre musica e a curare colonne sonore di video, spot, documentari, opere teatrali, mostre e installazioni artistiche. Ebbro di nuovo rinascimento, ho ripreso da poco tempo anche a dipingere. A volte mi cimento, e sanza pavento, come cantautore, seguendo percorsi sempre e assolutamente non convenzionali. E così, per quanto riguarda le Muse, siamo a posto.

In fin dei conti, sì, posso dire di essere alla continua ricerca della “non convenzionalità”, in una sorta di continua osmosi tra lavoro e passioni, fabbrica di conseguenze mai banali.
Se questa cosa vi incuriosisce, passate altresì al form contatti e inviatemi una mail.
Sani.

sì, ma il levriero?

Che poi il levriero in realtà è un galgo spagnolo, anzi una galghetta femmina di taglia media di nome Tess, come la protagonista del film che Roman Polanski ha tratto nel 1979 dal romanzo di Thomas Hardy Tess dei D’Urbervilles (1891) interpretata da Nastassja Kinski (bravissima e bellissima, ma Tess corre più veloce).

Ho adottato Tess a fine ottobre del 2017 dal GACI (Greyhound Adopt Center Italy), un’associazione che si occupa da 15 anni della disgraziata sorte di una particolare razza di cani: i levrieri, e più precisamente i greyhounds, galgos spagnoli e podenco. È stata la prima associazione a denunciare la tragedia dei Greyhound e Galgos e promuovere le adozioni di questi levrieri. L’associazione nacque nel 2002 quando salvò 370 greyhounds reduci dalla chiusura del cinodromo di Roma e destinati alla soppressione.
Consiglio a chiunque ami gli animali in genere e i cani in particolare di prendere in considerazione queste meravigliose creature e di dare un occhio al loro sito e alla pagina Facebook dell’associazione utilizzando i pulsanti qui sotto.